Il primo anno de La Fenice

Il Centro Specialistico per l\’adolescente e la famiglia La Fenice è stato aperto a gennaio 2013 e ha formalmente cominciato ad operare dal primo marzo 2013.

logo_fenice

Si riceve su appuntamento:

030 2000035 – 331 9473196

Dopo un anno di attività vogliamo condividere con voi alcuni dati rispetto all\’operato del Centro Specialistico La Fenice, dati che confermano il bisogno di un servizio che offre alle famiglie e ai giovani risposte concrete, efficaci e puntuali su situazioni di disagio che non vanno sottovalutate e che aiuta a rafforzare le abilità dei giovani perchè possano affrontare le difficoltà che incontrano nel loro cammino di crescita.

Le richieste pervenute

Da gennaio 2013 al 28 febbraio 2014, sono giunte al Centro specialistico La Fenice 70 richieste: 8 richieste sono pervenute da giovani di età compresa tra i 18 anni ai 24 che si sono presentati da soli; 22 richieste da nuclei famigliari con la presenza dei genitori e dei figli ; 40 richieste da genitori (singoli o in coppia).

Con i giovani il 75% dei percorsi sono ancora attivi (due sono stati i casi chiusi: uno è coinciso con un invio ad un servizio per la cura dei disturbi alimentari, l’altro ha concluso il percorso). Si tratta di situazioni che richiedono interventi lunghi nel tempo; non vi sono stati abbandoni.

Con i nuclei famigliari sono ancora attivi il 50% dei casi. In buona parte valgono le considerazioni fatte per i giovani. È un dato assolutamente importante in quanto “la presa in carico” dell’intero nucleo famigliare è una condizione fondamentale per attivare un lavoro sinergico, coordinato e coerente tra genitori, figli e gli esperti del Centro La Fenice. Con i genitori sono ancora attivi il 35% dei casi. In molti casi la richiesta si è configurata come consulenza limitata nel tempo; in altri si è riscontrata una fatica a rimettere in discussione le proprie modalità genitoriali.

 richieste

È importante sottolineare che:le 70 richieste riguardavano 73 ragazzi/e (da alcuni genitori sono state evidenziate richieste per più di un figlio): 46 maschi e 27 femmine.
25 richieste sono riferite a ragazzi/e tra i 14 e i 16 anni; 31 richieste sono riferite a ragazzi/e tra i 16 e i 18 anni; 12 richieste sono riferite a ragazzi/e tra i 18 e i 20 anni; 5 richieste sono riferite a ragazzi/e tra i 20 e i 24 anni.
Complessivamente, il 77% delle richieste riguarda minorenni.

femmmine e maschi  età

Le richieste pervenute dalle persone al Centro sono state classificate in cinque differenti tipologie; in molti casi la stessa richiesta è stata ricondotta a più tipologie.  44 sono riferite a problemi con la famiglia; 37 sono riferite a problemi a scuola; 39 sono riferite a fragilità individuali; 31 sono riferite al consumo di sostanze stupefacenti; 16 sono riferite ad autolesionismo.   Vi sono significative differenze di genere rispetto a tali tipologie.

problematiche differenze di genere

Il servizio ha intercettato richieste sia dalla città (28 – 40%) che dalla provincia (42 – 60%).

La cooperativa Il Calabrone è fortemente radicata nel territorio: da anni pone particolare attenzione e cura al lavoro di rete (sia con soggetti istituzionale che con le realtà informali); questo permette un elevato tasso di fiducia e di riconoscibilità dei suoi progetti. L’analisi dei percorsi per arrivare al Centro deve necessariamente tenere conto di questa premessa: in molti casi la proposta di rivolgersi alla Fenice è stata fatta da “persone di fiducia”: insegnati, preti, medici di base…28 richieste sono state indirizzate al servizio da canali informali (persone varie di fiducia che conoscevano il servizio). 13 richieste sono state indirizzate al servizio da canali interni alle scuole (insegnanti o professionisti). 17 richieste sono state indirizzate al servizio da altri servizi (prevalentemente consultori). 11 richieste sono arrivate al servizio tramite le forme di pubblicità (volantini e sito internet).L’analisi temporale evidenzia un costante incremento delle richieste.

 

 

 

 

Le prestazioni erogate

Complessivamente sono stati erogati 511 colloqui in risposta alle 70 richieste pervenute.

solo genitori, giovani, nuclei

290 colloqui sono stati erogati a nuclei famigliari con la presenza dei genitori e dei figli. Prevalentemente i colloqui vengono svolti separatamente, solo in alcune situazioni si è lavorato con incontri congiunti. In ogni percorso che viene attivato con il ragazzo, sono comunque previsti incontri periodici insieme ai genitori di verifica dell’andamento.

205 colloqui con i figli;

63 colloqui con i genitori;

22 colloqui congiunti con genitori e figli.

131 colloqui sono stati erogati solo a genitori;

90 colloqui sono stati erogati a giovani di età compresa tra i 18 anni ai 24 che si sono presentati da soli.

prosecuzione

Delle 70 richieste accolte dal servizio solo 7 (10%) hanno abbandonato anticipatamente o non hanno accolto il percorso proposto. Al termine dell’accoglienza, per 41 casi (59%) è stata proposta la prosecuzione con un percorso di consulenza, mentre 22 casi (31%), tutti relativi a genitori, si sono conclusi con l’incontro di restituzione in quanto le persone chiedevano solo una possibilità di confronto e/o chiarimenti rispetto alla situazione che stavano vivendo, senza evidenziare nessuna domanda specifica.

tipologia proposta

Con i genitori si sono realizzati soprattutto percorsi di consulenza pedagogica, con i ragazzi si sono avviati prevalentemente percorsi di sostegno psicologico che in alcuni casi sono stati ridefiniti in percorsi di psicoterapia.


Ricordiamo che il servizio è aperto tutti i giorni dal lunedì al venerdì;

particolare attenzione viene posta alle ore serali – dalle 17 alle 20 –

per favorire i genitori negli orari dopo-lavoro.

Sede: Viale Duca degli Abruzzi, 10- 25124 Brescia

Si riceve su appuntamento.

Per appuntamenti chiamare i numeri:

030 2000035 oppure 331 9473196 dal martedì al venerdì dalle 13 alle 17.

Questo è un sito unico che richiederà un browser più moderno per lavorare! Please upgrade today!