Our Blog

La vita non si ferma: gravidanze al Consultorio


Il servizio

Come per tutti, anche per l’attività del Consultorio familiare, dai primi di marzo 2020 tutto è cambiato!

E’ cambiata la possibilità di ricevere le persone, è cambiato il modo di mantenere il contatto, è cambiato il modo di vestirsi e di proteggersi, di pulirsi e di lavarsi le mani. Gli operatori sono stati invitati a lavorare da casa. La porta è chiusa e si ricevono solo emergenze sanitarie e le donne in gravidanza.

Questo è l’aspetto che fa rimanere presenti  e operativi.

E in questo tempo “sospeso”,  privato di libertà di movimento e di spostamento, ridotto nelle possibilità di fare e volere, accade che si dilata la possibilità di porsi domande, di fare posto all’ascolto di emozioni e sentimenti.

Gli operatori che in consultorio svolgono il lavoro sono sempre molto disponibili e accoglienti, ma ora la riduzione delle possibilità di ricevere  persone sembra avere amplificato il desiderio di incontro e di vicinanza. Il tempo dilatato dalla riduzione degli appuntamenti ha aumentato la possibilità di attenzione e dedizione. Si ha meno fretta e ci si può concedere più spazio per raccogliere dubbi, preoccupazioni e cercare insieme nuove soluzioni.

Il telefono del Consultorio è  attivo per ascoltare, supportare, rispondere a dubbi e domande:

lunedì dalle 14 alle 18
giovedì dalle 14 alle 18
venerdì dalle 9 alle 12

telefonando  allo 030-3099399

alert-info

Le storie

Aisha arriva in Consultorio con il suo bambino che ha appena tre settimane, davanti al quale ci si chiede: cosa significherà per lui incominciare a vedere e trovare persone intorno con questa benda bianca sulla bocca? Da dove penserà arrivi il suono della voce?  Cosa diranno a lui gli occhi che gli sorridono e lo toccano attraverso i guanti di lattice?

Anche la sua mamma quando arriva in questo posto strano è senza bocca…ma il piccolo non è spaventato, agita le piccole dita nell’aria, muove gli occhietti in cerca di maggiore luce perché la sua vista è ancora acerba, fa piccole smorfie con la bocca come volesse mangiare l’aria. Di fronte a questo spettacolo che la vita ripropone ancora,  ci si sorprendere a riconsegnare spazio e fiducia ai gesti e agli sguardi che producono vicinanza nella distanza.

C’è invece Maura che è verso il termine della gravidanza. E’ preoccupata perché ha sentito che in sala parto il papà potrà entrare solo all’ultimo momento. Ci tenevano tanto e lei aveva bisogno della sua presenza. Cosa dirle? La si vorrebbe abbracciare per farle sentire che non è sola, ma non si può. Allora la si ascolta. Si cerca di mettere a fuoco con lei gli aspetti di positività, più che quelli di mancanza; si valorizza l’aspetto di salute di lei e del nascituro, che stanno bene e che ci sarà tutto il tempo, dopo, per ritrovarsi a casa. Chi ascolta è come se, aiutato dalla mascherina, trattenesse in se’ timori e preoccupazioni affinché non affliggano la giovane madre e le lascino tutte le energie a servizio del completamento della vita che porta in sé.

Ma che meraviglia e che gioia quando arrivano sul cellulare, attraverso WhatsApp,  le immagini di Lucille, la piccola nata in pieno coronavirus, che la sua mamma manda ogni giorno a chi l’ha accompagnata durante tutto il periodo della gravidanza per condividere  i progressi incredibili della sua crescita.

Il campanello suona di nuovo, è Erika, si presenta con la mascherina e due occhi che sembrano esplodere, dice: sono incinta!

La vita non si ferma. A noi la possibilità di fidarci e seguirla.

Ultime notizie dal consultorio

Consultorio Familiare: il servizio

Consultorio Familiare: il servizio

4 Novembre 2019

Lo scopo principale del Consultorio Familiare è offrire, in un'ottica di prevenzione, prestazioni diversificate: socioeducative, psicologiche e ostetrico-ginecologiche, con l'intento che ciascuno, e in particolare chi si trova in situazioni di fragilità, possa disporre di strumenti per affrontare in modo libero e consapevole i passaggi importanti della propria vita.Read More

La passione che ci unisce

La passione che ci unisce

4 Novembre 2019

Oggi siamo ad un punto di svolta: abbiamo scelto il Calabrone perché nel suo lavoro abbiamo trovato la nostra stessa passione verso il mondo della fragilità, la stessa sensibilità nell’affrontare temi sociali di grande impatto.Read More

Tags:

Mostra i commenti (0)

Questo è un sito unico che richiederà un browser più moderno per lavorare! Please upgrade today!